Vangelo della Domenica

 

 

 

 

VANGELO DELLA DOMENICA

 

 

 

 

DOMENICA DI PENTECOSTE

 

20  maggio 2018

 


SEQUENZA


Veni, Sancte Spíritus, et emítte caelitus lucis tuae rádium. Veni, pater páuperum, veni, dator múnerum, veni, lumen córdium. Consolátor óptime, dulcis hospes ánimae, dulce refrigérium. In labóre réquies, in aestu tempéries, in fletu solácium. O lux beatíssima, reple cordis íntima tuórum fidelium. Sine tuo númine, nihil est in hómine, nihil est innóxium. Lava quod est sórdidum, riga quod est áridum, sana quod est sáucium. Flecte quod est rígidum, fove quod est frígidum, rege quod est dévium. Da tuis fidélibus, in te confidéntibus, sacrum septenárium. Da virtutis méritum, da salútis éxitum, da perénne gáudium.

Vieni, Santo Spirito, manda a noi dal cielo un raggio della tua luce. Vieni, padre dei poveri, vieni, datore dei doni, vieni, luce dei cuori. Consolatore perfetto, ospite dolce dell'anima, dolcissimo sollievo. Nella fatica, riposo, nella calura, riparo, nel pianto, conforto. O luce beatissima, invadi nell'intimo il cuore dei tuoi fedeli. Senza la tua forza, nulla è nell'uomo, nulla senza colpa. Lava ciò che è sórdido, bagna ciò che è árido, sana ciò che sánguina. Piega ciò che è rigido, scalda ciò che è gelido, drizza ciò che è sviato. Dona ai tuoi fedeli, che solo in te confidano, i tuoi santi doni. Dona virtù e premio, dona morte santa, dona gioia eterna.

 


VANGELO

Lo Spirito di verità vi guiderà a tutta la verità.

Dal Vangelo secondo Giovanni

15, 26-27; 16, 12-15


In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Quando verrà il Paràclito, che io vi manderò dal Padre, lo Spirito

della verità che procede dal Padre, egli darà testimonianza di me; e

anche voi date testimonianza, perché siete con me fin dal principio.

Molte cose ho ancora da dirvi, ma per il momento non siete capaci di

portarne il peso. Quando verrà lui, lo Spirito della verità, vi guiderà a

tutta la verità, perché non parlerà da se stesso, ma dirà tutto ciò che

avrà udito e vi annuncerà le cose future. Egli mi glorificherà, perché

prenderà da quel che è mio e ve lo annuncerà. Tutto quello che il Padre

possiede è mio; per questo ho detto che prenderà da quel che è mio e ve

lo annuncerà».

 

 

Commento al Vangelo

 

Futuro

“ … vi annuncerà le cose future …”.

Il tempo è suddiviso in passato, presente e futuro: il passato è ormai nelle mani di Dio e può essere per noi motivo di nostalgia e ricordi, ma anche di rimpianti e rimorsi; il presente è l’unico tempo che ci è dato da vivere; il futuro entra nella volontà di Dio e può essere causa di gioia e aspettative, ma anche di timore e incertezza.

Ogni uomo vuole conoscere il suo futuro, quello prossimo dei giorni che verranno e quello remoto, di quello che sarà dopo questa vita.

Parte del futuro non la conosciamo, perché fa parte dell’imprevisto, ma quel futuro che è nella promessa di Dio per chi crede è certezza: “ … aspetto la risurrezione dei morti e la vita del mondo che verrà …”.

Per il cristiano il futuro entra nella logica dell’eternità, perché c’è una continuità e consequenzialità fra il mondo presente e quello futuro.

Noi non conosciamo il futuro né per esperienza concreta, né tramite sciocche previsioni di oroscopi, che sono talmente fluide e ambigue da adattarsi a tutto ciò che potrà succedere; ma lo conosciamo unicamente perché sappiamo che Dio è provvidente e previdente.

Non possiamo prevedere il futuro ma prepararcelo, almeno in parte.

Il futuro prossimo può diventare causa d’insoddisfazione continua, se ci lasciamo guidare dall’invidia: “Non preoccupatevi di quello che mangerete o indosserete; il Signore ne darà ai suoi amici nel sonno”.

Anche il futuro remoto può trasformarsi in paura e insicurezza, se pensiamo alla fine del mondo come a una catastrofe o a un castigo: “Quanto a quel giorno e a quell’ora nessuno lo sa … eccetto il Padre”.

Il credente sa abbandonarsi con fiducia alla Provvidenza: “Io resto quieto e sereno: come un bimbo in braccio a sua madre”; perché sa che il bello ha ancora da venire.

 

don Luigi

gt.

Ultimo aggiornamento (Sabato 19 Maggio 2018 15:09)

 

Per offrirti un'esperienza di navigazione sempre migliore questo sito utilizza anche cookie di partner selezionati. Proseguendo la navigazione o cliccando su "ACCETTO" acconsenti all'utilizzo dei cookie impiegati dal nostro sito. Visualizza le nostre politiche privacy Politiche Privacy.

Accetto i cookies da questo sito